Teatro di Misenum

l Teatro risale al II sec. d.C., ma viene utilizzato fino al VII sec. d.C., come testimoniano i materiali rinvenuti nel corso di scavi recenti.

Il monumento sorge accanto ad un’area di destinazione pubblica interpretata come foro a seguito di saggi effettuati nell’area demaniale da cui si accede al teatro stesso, che hanno restituito resti di una taberna e un lungo tratto di muro in reticolato.

Il monumento, che si addossa per la parte superiore al costone tufaceo di Miseno, si trova nello spazio ristretto fra le pendici dell’omonimo promontorio e la rada esterna dell’antico porto, in coincidenza con l’antico centro politico della città. Del teatro è possibile visitare solo una parte dell’ambulacro mediano che sorregge la media cavea, con gli imbocchi dei corridoi radiali che conducevano all’ambulacro interno, oggi tompagnati.

Resta invece inglobata in una proprietà privata adiacente una parte dell’ambulacro superiore e una piccola porzione dell’attico.

I testi e le immagini sono quelli pubblicati sul sito del Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Alcune immagini provengono dal libero dominio.